ELISIR D’AMORE – Oltre 1300 bambini coinvolti per una prima assoluta

L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti al Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena il 15 alle 20,30 e 16 marzo alle 17 e alle 21 e al Teatro Comunale di Carpi il 22 marzo alle 18 e alle 21

 

Oltre 1300 bambini coinvolti per un allestimento in prima assoluta, una coproduzione firmata da Appennino InCanto in collaborazione con

Fondazione Teatro Comunale di Modena e Teatro Comunale di Carpi

 

Dopo la felice esperienza de La Cenerentola (2017) e de Il Barbiere di Siviglia (2018), continua la collaborazione tra Appennino InCanto e Fondazione Teatro Comunale di Modena presentando L’Elisir d’amore di Gaetano Donizetti, nuova produzione rivolta in particolare a bambini e famiglie, che si inserisce nel più ampio programma di Modena Città del Belcanto.

Triplicato il numero delle recite che quest’anno saranno sei: al Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena il 15 marzo alle ore 10.30 (rassegna MusicaSuMisura) e alle ore 20.30, il 16 marzo alle ore 17 e alle ore 21; al Teatro Comunale di Carpi invece il 22 marzo alle ore 18 e alle ore 21.

Direttore artistico e musicale del progetto è Angelo Gabrielli, la messa in scena è firmata dal regista Davide Garattini Raimondi, l’Orchestra sarà la Senzaspine di Bologna, per la prima volta in collaborazione con Appennino InCanto.

Le recite saranno dirette da Angelo Gabrielli, fatta eccezione di quella serale del 15 marzo affidata a Mirca Rosciani.

Il cast sarà composto da: Stefania Paddeu, Maria Francesca Rossi, Keta Nino, Claudia Nicole Calabrese, Anna Capiluppi che si alterneranno nei ruoli di Adina e Giannetta; Vassily Solodkyy e Giuseppe Toscano nel ruolo di Nemorino; Gianni Giuga sarà Belcore mentre Davide Peroni e Matteo Mollica si alterneranno nel ruolo del Dottor Dulcamara; tutti giovani cantanti lirici, scelti tra i ragazzi provenienti da Italia, Georgia, Cina, Corea e Russia attraverso un bando indetto dall’Associazione Appennino InCanto. Gli allievi sono stati opportunamente preparati da Valeria Esposito e Angelo Gabrielli, affiancati dai maestri collaboratori Mirca Rosciani e Luca Saltini, durante la masterclass tenutasi dall’8 al 13 marzo nella sede della Corale Rossini di Modena e alla Casa Museo Luciano Pavarotti in collaborazione con la Fondazione Luciano Pavarotti.

Al loro fianco, sarà protagonista il coro dei bambini dai 6 ai 13 anni delle scuole primarie e secondarie di Modena, Sestola, Fanano, Acquaria, Bomporto, Carpi e Fossoli di Carpi per un totale di 7 scuole coinvolte. Entusiasmante il successo ottenuto dall’iniziativa confermato anche dal numero degli alunni partecipanti, ben 1300 ragazzi (a fronte dei 200 della prima edizione), preparati musicalmente da Sabina Mezzacqui. Nei panni del narratore Nicola Ciulla

Oltre alle nuove collaborazioni con il Teatro Comunale di Carpi e con l’Orchestra Senzaspine di Bologna l’altra novità di quest’anno è il libro originale sull’Elisir d’amore, redatto da Cristina Bersanelli con i disegni unici di Raffaella Tafuri Lupinacci, già distribuito a tutti i piccoli per meglio prepararsi ad entrare nello spirito dell’opera.

Il progetto è stato realizzato con il patrocinio dei comuni di Sestola, Fanano, Acquaria e grazie all’aiuto degli sponsor Hotel San Marco di Sestola e Aranciò-outdoor collection.

DICHIARAZIONI

“Sapere che in soli tre anni siamo riusciti a passare da una sola recita di Cenerentola, con 200 bambini in palcoscenico e 800 spettatori, a sei recite con 1300 bambini e 4000 spettatori per questo Elisir d’amore, mi fa ben sperare per il futuro dell’iniziativa e, in aggiunta, possiamo con orgoglio affermare che quasi tutti i giovani cantanti che abbiamo portato al debutto oggi sono stabilmente inseriti nei cartelloni dei principali teatri d’opera, in Italia e nel mondo. Sono inoltre numerosi i tanti concorsi importanti vinti ultimamente dopo i nostri Master tenuti da prestigiosi docenti. In futuro speriamo che anche l’Istituto musicale Tonelli-Vecchi torni a occupare un ruolo attivo e di rilievo in questa iniziativa”.

Angelo Gabriellli,

Direttore artistico

Appennino InCanto

“Desidero esprimere tutta la mia personale soddisfazione per la collaborazione del Teatro Comunale di Carpi al progetto Elisir d’amore 2019Fin dal primo momento in cui il M° Gabrielli e il M° Sisillo me ne hanno parlato, l’ho ritenuto un progetto di sicuro valore artistico e di importante valenza culturale, una modalità particolarmente intelligente per trasmettere alta cultura nel mondo dei giovanissimi, nonché un’importante opportunità di collaborazione e sinergia con la Fondazione Teatro Comunale di Modena, l’Associazione Appennino InCanto e la Fondazione Luciano Pavarotti. Mi auguro che l’esperienza di quest’anno possa avere un seguito negli anni futuri, visto anche l’entusiasmo che ha suscitato all’interno delle scuole del territorio.”

Carlo Guaitoli

Direttore artistico

Teatro Comunale di Carpi

“Sono molto contento che si apra questa nuova collaborazione con Appennino inCanto, associazione che lavora da diverso tempo con risultati eccellenti. Per l’Orchestra Senzaspine è motivo di orgoglio tornare sul palco del Teatro Pavarotti di Modena e sul palco del teatro di Carpi. Inoltre, integrare la nostra già ampia attività per bambini, che va da Coro di Voci Bianche alla Scuola di Musica Senzaspine fino ai Concerti Animati, con queste collaborazioni, è una scelta perfettamente in linea con il nostro obiettivo di formare e sensibilizzare le nuove generazioni al repertorio classico ed operistico”. 

Matteo Parmeggiani

Vicepresidente Orchestra Senzaspine