Direttori

Tommaso Ussardi – Direttore [English Version]

Tommaso_Ussardi_SenzaspineCompositore e direttore d’orchestra, nasce a Venezia nel 1984. Inizia gli studi musicali sotto la guida del padre, compositore e docente al conservatorio ‘B. Marcello’ di Venezia. Per i primi anni approfondisce lo studio della chitarra classica, del clarinetto, del contrabbasso e della composizione presso il conservatorio della sua città, successivamente si iscrive al conservatorio ‘G.B. Martini’ di Bologna, dove si diploma con il massimo dei voti e la lode in composizione, direzione di coro e direzione d’orchestra. Si perfeziona con maestri di chiara fama come C. A. Grandi, C. Landuzzi, S. Colasanti, L. Acocella, D. Pavlov, D. Renzetti. Nell’estate del 2017 viene ammesso come student attivo presso l’Accademia Chigiana di Siena, sotto la guida del M° Daniele Gatti.
E’ vincitore del premio ‘Galletti’ 2011, del premio ‘Zucchelli’ 2013, del premio ‘Magone’ 2015 e 2016, della menzione d’onore al ‘Premio Nazionale delle Arti 2013’. Nel 2014 è ammesso alla fase finale della Malko Competition. Sue composizioni sono state eseguite presso la Regia Accademia Filarmonica di Bologna, il Teatro Comunale di Bologna, il Conservatoire National Supèrieur Musicque et danse de Lyon, dove è stato invitato, in qualità sia di direttore che di compositore, per la rassegna internazionale ‘Suona Italiano’. Come direttore debutta nel 2012 durante la ‘Schoenberg Experience’ del Teatro Comunale di Bologna, con l’esecuzione del Pierrot Lunaire di Schoenberg, per i 100 anni dalla prima esecuzione assoluta.
Inizia così un percorso sul teatro musicale del primo Novecento e, in collaborazione con la regista Ulduz Ashraf Gandomi, realizza importanti produzioni con finalità didattiche come ‘l’Histoire du Soldat’ di I. Stravinsky, ‘Pierino e il lupo’ di S. Prokofiev, ‘Il Carnevale degli animali’ di C. Saint Saens. Collabora con diverse orchestre ed ensemble internazionali tra cui l’Orchestra Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna, l’Orchestra Giovanile Italiana, l’Orchestra e il coro del Teatro Comunale di Bologna, l’Orchestra Senzaspine, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, l’Orchestra ‘I Pomeriggi Musicali’, Orchestra of the Opera Rouen Normandie, la Vidin Phylarmonie Orchestra, l’Ensemble contemporain de Lyon, l’Ensemble Res Humana, spaziando dal repertorio sinfonico al repertorio operistico, dal barocco al contemporaneo, interpretando spesso opere di compositori contemporanei in prima esecuzione assoluta.
Nel gennaio 2017 collabora con Silvia Colasanti e Guido Barbieri per la realizzazione dell’opera ‘Le imperdonabili’ con l’attrice Clara Galante, per la regia di Alessio Pizzech, in scena al Teatro Sperimentale di Ancona, al Teatro Lauro Rossi di Macerata e al Teatro Rossini di Pesaro. Nel 2013 fonda l’Orchestra Senzaspine, di cui è presidente, direttore artistico e musicale. Un’orchestra sinfonica under 35 con la quale si esibisce in oltre 60 concerti l’anno in importanti teatri del territorio nazionale, collaborando con artisti di fama internazionale come Enrico Dindo (Ottobre 2015 Teatro Duse), Laura Marzadori (Bologna Festival Giugno 2016 Teatro Auditorium Manzoni), Sofya Gulyak (Aprile 2016 Teatro Consorziale di Budrio), Dejan Bogdanovich (Giugno 2015 Teatro Auditorium Manzoni), Alessandro Fossi (Febbraio 2015 Teatro Duse), Jonathan Roozeman (Ottobre 2015 Teatro Toniolo), Anastasiya Petryshak (Ottobre 2016 Teatro Consorziale di Budrio), Anna Tifu e Silvia Chiesa (2017 Amiata Festival 2017) e Domenico Nordio (Aprile 2018 Teatro Manzoni di Bologna).
Nell’ottobre 2015 debutta nella direzione operistica con ‘La gazza ladra’ di G. Rossini e ‘L’Elisir d’amore’ di G. Donizetti al Teatro Duse di Bologna, in collaborazione con Bologna Festival, nel febbraio 2016 con ‘Il Barbiere di Siviglia’ al Teatro Borgatti di Cento. Dall’aprile 2016 ha instaurato un’ interessante collaborazione artistica con il cantante John De Leo e lo scrittore Stefano Benni. Nell’ottobre 2016 debutta come ideatore e presentatore nel programma radiofonico ‘Classica Senzaspine’, in onda su Radio Città del Capo. Il programma è dedicato alla comprensione e alla divulgazione della musica classica.
Nel gennaio 2018 ha debuttato con l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo presso l’omonimo teatro, in ‘La serva padrona’ di Pergolesi, con la regia di Roberto Catalano. Nel settembre 2018 debutterà nella ‘Stagione Opere e Balletti 2018’ del Teatro Massimo di Palermo in un balletto della coreografa Carolyn Carlson, con le musiche di P. Glass, M. Gordon, M. Monk e N. de Zorzi.

 
Matteo Parmeggiani – Direttore [English Version]

Matteo_Parmeggiani_Senzaspine

Nato a Bologna il 6 dicembre 1988, fin da bambino comincia lo studio del pianoforte. Studia Composizione e direzione d’Orchestra al Conservatorio ‘G. B. Martini’ di Bologna con i maestri Gianpaolo Luppi e Luciano Acocella, conseguendo la laurea con il massimo dei voti e la lode. Fanno parte della sua formazione direttoriale i Maestri Gianluigi Gelmetti e Michel Tabachnik, seguiti nei corsi tenuti all’Accademia Musicale Chigiana. Nel 2016 partecipa come allievo effettivo alla masterclass tenuta dal Maestro Daniele Gatti all’Accademia Chigiana, dirigendo anche al concerto finale. Lavora come assistente alla direzione in diverse produzioni operistiche come “Romeo et Juliette” di Gounod, “Carmen” di Bizet, “Traviata” di Verdi e “Adelaide di Borgogna” di Rossini, nei teatri di Marsiglia, Liege, Rouen, Wildbad, avendo l’opportunità di lavorare con artisti come Annick Massis, Patrizia Ciofi, Giovanni Meoni, Natalie Manfrino, Alessandro Liberatore, Sandra Pastrana, Cristiano Cremonini. Come assistente alla direzione di repertorio sinfonico collabora con numerosi artisti, tra gli altri Maurizio Baglini e Silvia Chiesa. Nel ruolo d’insegnante di orchestra, collabora con colleghi di calibro, come Paolo Grazia, Gabriele Buffi, Paolo Mancini ed altre prime parti dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna. Sono stati eseguiti suoi brani in occasioni di diversi eventi, come ad esempio al Teatro Comunale di Bologna nel 2011, alla Rocca di Vignola nel 2013, a Como nel 2014 e a Lecce nel 2015. Nell’estate 2011 frequenta una masterclass internazionale di Direzione d’Orchestra a Pitesti (Bucarest), tenuta dal Maestro Dumitru Goia. Nel 2012 vince il Primo posto al concorso di direzione d’orchestra e borsa di studio ‘Galletti’ a Bologna. Nel maggio 2013 fonda l’Orchestra Senzaspine, formazione orchestrale sinfonica, che dirige in diverse occasioni al Teatro Auditorium Manzoni (debutto settembre 2013), al Teatro Duse (debutto marzo 2014) di Bologna e su altri importanti palcoscenici come quelli del Teatro Pavarotti di Modena (2015) o il Teatro Sanzio di Urbino (2016). In particolare, il Teatro Duse dedica ogni anno, a partire dal 2014, una stagione sinfonica all’Orchestra Senzaspine, della quale è direttore musicale. Ha avuto inoltre l’opportunità di dirigere orchestre come la Sinfonica Abruzzese, l’Orchestra della Magna Grecia, l’Orchestra Cherubini, l’Orchestra Giovanile Italiana, l’Orchestra dell’Accademia Filarmonica di Bologna, l’Orchestra del Teatro di Rouen. Nel 2014 dirige al teatro Manzoni la pianista Sofya Gulyak, artista di calibro internazionale, con la quale inizia una collaborazione duratura. Nell’ottobre 2015 debutta nella direzione operistica con ‘Gazza Ladra’ di Rossini, al Teatro Duse di Bologna, in collaborazione con Bologna Festival. Il 4 novembre 2015 dirige il concerto di Dvorak per violoncello e orchestra in si minore e la Sinfonia n.9 ‘dal nuovo mondo’; come solista d’eccezione il Maestro Enrico Dindo. Nel dicembre 2015 debutta al Teatro Comunale Pavarotti di Modena, in collaborazione con il prof. Quirino Principe. Debutta nel cartellone del Bologna Festival il 9 giugno 2016 al Teatro Manzoni, solista Laura Marzadori, primo violino al Teatro Alla Scala di Milano. Sempre nel 2016 dirige il Primo concerto di Paganini per violino e orchestra, solista la violinista Anastasiya Petryshak. Lo stesso anno, dirige un concerto dedicato a Giuseppe Verdi, in collaborazione con Bologna Festival ed il Coro del Teatro Comunale di Bologna. Ad agosto 2016 partecipa alla masterclass tenuta dal Maestro Daniele Gatti all’accademia Chigiana di Siena, dirigendo anche al concerto finale al teatro dei Rozzi. Nel novembre 2017 debutta alla direzione operistica, con ‘L’elisir d’amore’ di Donizetti, in una nuova produzione al Teatro Duse di Bologna e al Teatro Nuovo di Ferrara, in collaborazione con il Teatro Comunale e la Scuola dell’Opera di Bologna. Nel 2018 dirige il concerto con l’Osuaeh (Messico) e due concerti sinfonici con la Sonova, Orchestra Sinfonica del Nord Virginia (USA). A settembre 2018 salirà sul podio anche del festival internazionale Anima Mundi di Pisa, che vede come direttore artistico il M° Gardiner.